Poesia

Obscurandum, I

Le prime due stanze di Obscurandum mettono in luce due aspetti: il primo, questo balzo felino della penna che dal nòcciolo del suo melmoso inchiostro tenta di fuoriuscire al vento per capire quanto la sua curiosità possa in realtà determinare la qualità di un momento, di un attimo che va carpito proprio nel suo punto più eclettico e disinvolto. Il secondo aspetto è molto più torbido e meno evidente; questa voglia di inabissarsi per poter comprendere la profondità dell’incertezza, che spesso determina una scelta certa o meglio, un futuro scritto con la carbonella sul palmo della mano.

Continua a leggere

Annunci
Standard
Filosofia, Teologia

Nella dissoluzione, la soluzione di Schleiermacher

“Uber die Religion”, 1799

 

La filosofia della religione, come disciplina, ha un’evoluzione molto complessa, tanto che qui non ci sembra né il luogo né il momento di riassumerne le tappe fondamentali. Ciò su cui oggi getteremo lo sguardo è invece la filosofia di Schleiermacher (1768-1834), in seno a quel dibattito sulla religione assoluta (e sulla sua ipotetica pensabilità) che teneva tanto occupate le menti e le fatiche filosofiche degli idealisti tedeschi (anche, se vogliamo, dei romantici). Continua a leggere

Standard