Filosofia

L’atto precede la potenza

Importantissime furono le traduzioni di Ibn Sina, che per gli occidentali è Avicenna, cui si devono tanto il celebre Canone quanto i trattati filosofici (soprattutto il Libro della guarigione) che restarono fondamentali1.

La filosofia occidentale, come filosofia del cristianesimo, deve confrontarsi, necessariamente, con la filosofia orientale, come filosofia araba, islamica, di autori quali Averroè, al-Farabi, Ibn Hazm, al-Gazzali e da ultimo, ma precedente in qualche modo a tutti gli altri, Avicenna. E’ a quest’uomo (980-1037) che si deve una prima sistematizzazione, filosofico-logica, storica in qualche modo, della filosofia aristotelica. Certo, mediata dalle concezioni religiose vigenti nell’Islam (come religione monoteista) ma senza dubbio cruciali, per la portata e la vastità dell’opera, per certa filosofia occidentale, giunta a noi fino ad oggi, nell’analisi di quel che è prima di ogni altra filosofia, in quanto proprio filosofia prima, Metafisica.

Continua a leggere

Standard
Filosofia, Teologia

La critica filosofica di al-Ghazālī

Al-Ghazālī (1058-1111) anticipa alcuni temi tipici della filosofia occidentale medievale, in particolare quelli di Tommaso d’Aquino. Se però per l’aquinate la separazione di fede e ragione è puramente teorica, con l’obiettivo di separare i due campi di conoscenza per poi unirli nuovamente nella scienza divina, per il filosofo arabo – c’è già qui, noterete, una contraddizione in termini – l’attacco alla filosofia (e indirettamente alla ragione) è volto a giustificare il valore più alto – e quindi necessario – che spetta alla fede. Continua a leggere

Standard
Storia, Teologia

Quando la Chiesa salvò l’occidente

L’impero romano è morto, ma la chiesa cattolica salverà la sua cultura dal disastro imponendola ai popoli d’occidente. 1

 

Continua a leggere

Standard