Letteratura, Teologia

Il cristianesimo così com’è, di C. S. Lewis

Sto cercando, qui, di impedire che qualcuno pronunci la frase davvero sciocca che spesso si sente ripetere su di Lui: “Sono pronto ad accettare Gesù come un grande maestro morale, ma non accetto la Sua affermazione di essere Dio”. Questa è proprio la cosa che non bisogna dire. Un uomo che fosse soltanto un uomo e dicesse le cose che diceva Gesù non sarebbe un grande maestro morale. Sarebbe un pazzo […] oppure il diavolo in persona. Dobbiamo fare la nostra scelta. 1

Chi conosce Lewis (1898 – 1963) non può stupirsi di fronte ad una affermazione del genere. Un’affermazione come questa, a dire il vero, potrebbe risultare addirittura blasfema, ma solo ad una lettura superficiale. Continua a leggere

Standard
Letteratura

Il genio di C. S. Lewis

Che Clive Staples Lewis sia stato un gigante della letteratura moderna, lo si intuisce da un’opera maestosa come “Le cronache di Narnia”. Per appassionarsi al suo stile, però, e alla sua efficace ironia, mai banale, basta la lettura di un’operetta morale, scritta nella forma del romanzo di formazione. “Le lettere di Berlicche” sono adornate di uno stile eccezionale, limpido, che permette di scorrere tra le pagine appassionandosi man mano alle vicende del personaggio principale: un demonio, Malacoda. Continua a leggere
Standard