Filosofia, Teologia

La fatticità del tempo dell’Esserci. Dramma e condizione di una fede autentica

DIO È MORTO
§ 6. La fatticità del tempo dell’Esserci.
Dramma e condizione di una fede autentica.

La teologia deve rimanere al sicuro da ogni sua deriva filosofica. Se la teologia si fonde ad una qualche filosofia come studio dell’essere, è già fuori dal suo obiettivo primario, che è quello di parlare, in quanto discorso (λόγος) e non principio (Λόγος), di Dio. Non, però, oggettivando questo discorso. Quando scriviamo di Dio, l’assunzione implicita riguarda il «noi» del discorso di Dio. Quando scriviamo, qualora scrivessimo, di Dio, scriviamo in realtà della fede (che «noi» coviamo) di Dio. Continua a leggere

Annunci
Standard
Filosofia, Teologia

La novità cristiana nell’idea di morte

Ma poi il cristianesimo […] ha scoperto una miseria di cui l’uomo come tale ignora l’esistenza: questa miseria è la malattia mortale.1

Continua a leggere

Standard