Teologia

Giobbe eroe della fede

Questo nostro commento al libro di Giobbe, dall’Antico Testamento, non vuole cadere in semplici osservazioni, né essere, tuttavia, oggetto di una teologia rigorosa, e per così dire scientifica. Lo scopo di un tale commento, ad un così difficile testo sapienziale, vien da sé, ed è a sé nascosto; fare esperienza del Testo Sacro, in tutte le sue forme. L’idea di un commento a Giobbe, primo, ci auguriamo, di una lunga serie di Commenti ai testi biblici, ci è pervenuta dall’ascolto stesso della parola di Dio. Come quando, senza conoscere il sapore del miele, ad un primo assaggio ci si rivela il gusto del dolce oro degli dei, allo stesso modo, leggendo e rileggendo la parola del Signore ci si rivela il Signore stesso. Al di là del bene e del male. Continua a leggere

Annunci
Standard
Filosofia

Quel borghese onesto e ordinato di Kant

Abbiamo lasciato per qualche tempo che questa Nostra rivista riposasse dalle (troppe e vane) parole cui la filosofia non va mai sottraendosi. Perché se è vero che il linguaggio è la casa dell’Essere, è altrettanto vero che questo stesso linguaggio spesso e volentieri intrappola l’elaborazione libera, spontanea, poetica (perché no), del pensiero puro, come pensiero pensato e come pensiero istintivo. Torniamo con una nuova rubrica, che cercheremo di tenere in continua esplorazione. “La Lente“, indagine filosofica sul confronto del pensiero tra due autori. Il nostro viaggio, oggi, prende le mosse da un testo che sta occupando il tempo di questa stessa Nostra rivista; Il crepuscolo dei filosofi, a cura di Giovanni Papini, intellettuale di spessore internazionale, ancora troppo poco amato nella terra che ne vide i natali, la Nostra terra, l’Italia. Il suo linguaggio sferzante, polemico, lucido e tagliente ha tolto alla sua fama una fetta della torta che è andata ad altri “intellettuali“, forse più scientifici (scientistici…), metodici, ordinati, ma certamente meno geniali e visionari rispetto al nostro odierno eroe. Soprattutto, meno scomodi.

Blank bookcover with clipping path

La bella edizione del libro edita da Circolo Proudhon; edizione di nostro riferimento.

Continua a leggere

Standard
Filosofia, Teologia

Filosofia della Rivelazione

Uno scritto importante, del giovane Hegel, elaborato durante il periodo di Berna (1793-1796) e pubblicato nel 1795. La figura di Gesù Cristo raccontata attraverso i Vangeli ufficiali, con la lente d’ingrandimento puntata su passi rilevanti e filosoficamente imponenti, nell’opera di evangelizzazione più importante di tutta la storia dell’umanità.

Continua a leggere

Standard
Filosofia

Il male per ignoranza in Socrate

Socrate è stato uno dei maggiori esponenti della tradizione filosofica occidentale, nato e morto ad Atene nel V secolo a.C. Attraverso gli scritti del suo più importante discepolo, Platone, possiamo comprendere la sua analisi riguardo l’agire umano. Secondo Socrate l’uomo saggio era colui che disponeva la propria anima verso la virtù della conoscenza, in un ideale stato di tensione verso la verità e il bene. Colui che conosceva se stesso e il proprio bene non poteva che agire di conseguenza, evitando di commettere il male in un modo che potremmo addirittura definire meccanico; il saggio, colui che riusciva nell’impresa di conoscere il bene dell’uomo non poteva più tornare indietro. Continua a leggere
Standard