Filosofia, Teologia

Ogni linguaggio è storico, ma non quello della fede

DIO È MORTO
§ 4. Ogni linguaggio è storico,
ma non quello della fede

L’impresa che ci siamo proposti di portare avanti si è rivelata abissale non per difficoltà d’esposizione ma di comprensione dell’abisso stesso. La chiave è senz’altro il linguaggio, inteso qui non come «sistema di segni» ma ancor prima come fluire dell’Essere (non «casa1»). Perché non «sistema» né «casa»? Nel primo caso, il linguaggio della fede – l’unico che ci interessi in questo paragrafo – verrebbe ridotto a schematismo trascendentale. Ovvero, se la fede fosse esplicabile, in quanto linguaggio, con un «sistema di segni», si dovrebbe risalire all’origine di tali segni e alla condizione di possibilità (e pensabilità) di questi stessi segni. Vogliamo affermare, solennemente, che la fede non è un linguaggio ma è anzi, nella fede, che avviene qualcosa come il dare forma al linguaggio stesso della fede. Di modo che è questa ad «informare» il linguaggio e non questo, in quanto «sistema», a permettere le possibilità della fede stessa. Continua a leggere

Annunci
Standard
Filosofia, Teologia

L’uomo come possibilità. La fede come impossibile possibilità

DIO È MORTO
§ 3. L’uomo come possibilità.
La fede come impossibile possibilità.

L’uomo1 è ogni volta possibilità. Dal momento in cui nasce, l’esistere «viene» al mondo, ed è questo il paradosso che lo costringe all’angoscia: che egli da «che è» si trova nel mondo, «Ci è», ma «essendo al mondo» nella forma rinviante della pura e mera possibilità, questo suo esistere non si dà propriamente «mai». Nascendo, l’uomo «viene» al mondo, entrandovi senza mai poterne catturare la totalità dei rimandi2. «Vivendo-Ci» egli, mentre «è», si proietta come possibilità che ha da essere. Cos’è che l’uomo «ha da essere»? Egli non lo sa, ed è per questo che il suo esistere è sempre possibile, mai reale3.

La possibilità è un esistenziale perché l’essere dell’Esserci ne è costitutivo fin4 dalla nascita. Per dirla con altre parole: l’uomo si dà proprio perché è possibile che egli «sia5». Il carattere di possibilità proprio dell’Esserci non è una nostra teoria. Essa prende le mosse dalla magistrale analisi che ne fa Martin Heidegger nell’opera del 1927, Essere e tempo. A differenza di quanto scrissi in Potenza e Passione, qui con «possibile» non s’intendono una discesa e una salita proprie di un esistere determinato, quello dell’esistere nella fede. L’uomo non è né debole, né forte. Egli si consuma «nel mondo» come «poter-essere6».

 

L’uomo è possibilità e lo è sempre. Egli sempre «può» qualcosa, ma attuando il qualcosa che «ora è raggiunto», ne cerca un altro (l’altro torna in eterno). Egli è sempre, ovvero di volta in volta, proiettato verso il futuro. Il suo progetto è poter-essere. Essendo egli possibilità, dunque poter-essere, la possibilità sua propria in quanto progetto è lui stesso. Ecco perché l’uomo, propriamente parlando, non è mai potente7. Egli, piuttosto che esser potente8, si sforza di esserlo – come continua possibilità. Ma allora, se egli è di volta in volta possibilità, come sarà possibile, a lui stesso, «divenire ciò che è9»? Non egli, ma la fede lo può. Cosa è la fede, infatti, se non continua possibilità rinviante? Presente e assente, fuggente e falsa. Poetica10. La fede si proietta sempre innanzi a se stessa. Essa ci appare, primariamente, come l’impossibilità della possibilità più propria. Se ad essa affiancheremo la morte, non andremo fuori strada. Perché l’uomo, in quanto «vita», è fin dall’inizio morte. La fede, a differenza di ogni altro «accadere», ferma le possibilità nella trappola del «non ci sono vere e proprie possibilità». Ecco perché la fede è di Dio, e mai nostra11.

 

Il problema principale che ha la fenomenologia di fronte alla «fede» è che essa, la fenomenologia, è costretta a fermarsi di fronte ad un fenomeno che, per lo più, non si mai. L’affermazione secondo cui «l’uomo ha fede» presenta allora, in sede fenomenologica, una duplice conseguenza. Negativamente, la fede, in quanto mai «data» non è analizzabile come fenomeno; essa è dunque, filosoficamente parlando, un falso problema, una vacuità. Eppure, proprio per questo carattere dissimulatorio della fede, essa, «presente» nel cuore dell’uomo e agente della storia stessa, obbliga il filosofo ad osservarla in quanto possibilità più pura. Positivamente, allora, la fede rappresenta la purezza dell’uomo in quanto possibile. Essa «non si dà» mai, ma è di volta in volta presente di fronte all’uomo stesso, e come esigenza, e come debolezza, e ancora come dono di Dio. La fede non è fenomenica, non s-vela (ἀ–λήθεια) nulla. A differenza di ogni esperire, essa non esperisce nulla. Misteriosamente, però, si dà.

 

Non si vogliono in questo luogo prendere in esame le critiche proprie dello psicologismo relative al sorgere della fede e come «ignoranza» e come «paura». Nel primo caso, se anche fosse vera l’ipotesi dell’ignoranza, risponderemmo con Paolo: «Non ha forse Dio dimostrato stolta la sapienza di questo mondo?12». Nel secondo caso, quello relativo alla paura, rispondiamo in due modi differenti; primariamente, la paura come tale apre al mondo. Secondariamente, ma in un senso profondo «originariamente», la paura, che quando è nella fede noi definiamo «timore di Dio», è un dono dello Spirito Santo. Cosa sia, oggettivamente, questo Spirito Santo, è dato alla sola fede di saperlo13 (o non-saperlo). L’errore nel quale l’analisi non dovrà cadere è quello di «analizzare», appunto, il carattere fuggente della fede. In quanto fuggente, essa vieta di farsi analizzare. Ma è proprio da questo rifiuto che l’analisi stessa, anziché chiudere gli occhi di fronte ad una possibilità così misteriosa propria all’essere (dato) dell’Esserci, dovrà piuttosto aprirsi al «linguaggio» della fede stessa. Ma della fede se ne deve proprio parlare? Il compito di un’analitica esistenziale sul problema della fede non ci era parso essere un falso problema? La fede si dà senza darsi. Essa si rimette interamente alla possibilità. Che questa possibilità sia propria dell’ente che ha il modo di essere dell’Esserci obbliga l’analisi a non schivare il problema, ma anzi ad affrontarlo con un vigore, se possibile, ancora più forte.


di Gianluca Palamidessi


1 Dire «uomo» ha senso fintanto che con esso si intenda l’Esserci.
2 Egli può anzi «comprendere» un rimando proprio in quanto la totalità dei rimandi gli è pre-clusa.
3 «Possibile» è qui opposto a «reale», nel significato scolastico-medioevale di potenza e atto.
4 Egli è fine dal principio del suo esistere.
5 Ma solo come missione. Egli non sa mai quale sia questa missione. E’ la missione a saperlo.
6 La risposta e l’enigma è lui stesso.
7 Non lo è nel senso del «realizzato»; ma lo è, senz’altro, nel senso del «potente» ogni possibilità.
8 Inteso nel senso della «potenza» del «più forte».
9 Nietzsche. Il problema del divenire, già analizzato in Potenza e Passione, meriterebbe un’indagine più profonda.
10 Se con poesia sentiamo il «non pensato» ci apriremo alle possibilità a-noi-donate più autentiche.
11 Se non come accoglienza.
12 1Cor 1,20.
13 Dire che la frase «dono dello Spirito Santo» non ha senso è privare all’essere dell’Esserci quel fondamento aprente, relativo alla comprensione, per il quale il senso, anche quello proprio delle «scienze», si dà solo e fintanto che l’Esserci è senso. Ovvero, citando Heidegger, crediamo propriamente, «solo l’Esserci «ha» senso» (cit. a p. 187 di Essere e tempo, di Martin Heidegger, a cura di P. Chiodi e F. Volpi, edizione Longanesi). Che però non si cada nell’errore di «soggettivare» le scienze. Le scienze, propriamente, scoprono l’ente per ciò che esso è. Ma se l’Esserci scopre la fede, come potrà, essa, esser detta «falsa»? Semplicemente, la fede è un fenomeno che non si dà. Questo, a nostro avviso, non priva la fede di scoprimento, in quanto comprensione emotivamente situata.
Standard
Filosofia, Teologia

Morte del soggetto e dramma in Cristo

In un senso squisitamente estetico, seguendo l’etimologia del termine (dal greco “αἰσϑησις”), la croce rappresenta il nulla drammatico al quale non si può rimanere del tutto indifferenti. Colui che si fa chiamare “il Figlio dell’uomo” e viene nella “pienezza dei tempi”, il Rex Iudeorum Gesù Cristo è, essenzialmente – e primariamente -, nel luogo ostile e sanguinoso della croce. Continua a leggere

Standard
Filosofia

L’importanza di tornare all’uomo

Questo ente privilegiato, l’ens, quod natum est convenire cum omni ente, è l’anima. Il primato dell’«esserci» su ogni altro ente, che qui emerge senza tuttavia essere ontologicamente chiarito, non ha evidentemente nulla in comune con una cattiva soggettivazione del tutto dell’ente.1

Risultati immagini per MARTIN HEIDEGGER

Continua a leggere

Standard
Storia, Teologia

Intesa abramitica

È possibile un dialogo inter-religioso tra islam, cristianesimo ed ebraismo? A ben guardare, le ragioni storiche che hanno determinato la frattura e lo sconvolgimento della celebre Striscia di Gaza, oltre che alle millenarie lotte tra Oriente islamico ed Occidente cristiano, fecero derivare la loro causa da questioni politiche, aggravate semmai da questioni religiose. Sulle Crociate e sul primo dominio arabo, successivo alla morte di Maometto nel 632 d. C., non si vogliono qui discutere le motivazioni religiose che la sensibilità dell’epoca avvertiva sinceramente. Non si può negare, tuttavia, che fu proprio quell’intenso fervore a mietere tante vittime. Continua a leggere

Standard
Storia

Rivalutare Lutero alla luce del cattolicesimo

Lutero non ebbe, nel 1517, una Chiesa che lo appoggiava. Non ebbe l’una, Santa, cattolica e apostolica alla sua destra. Ma da questo fatto, non deve nascerne necessariamente uno scontro teologico – che tutt’oggi separa, in alcuni casi a ragione. Se quel monaco agostiniano, così ardente e risolutivo nell’opera che si era prefissato di compiere, non ebbe dunque la fortuna – o il caso – di dialogare proficuamente con quella Chiesa di cui pure faceva parte, non fu, crediamo noi, per sue sole colpe. Continua a leggere

Standard