Filosofia

Noi non «siamo» noi, per lo più

Chi è allora colui che ha assunto l’essere come essere-assieme quotidiano 1?

Cerchiamo di rispondere immediatamente a questo interrogativo. Il Chi dell’essere-assieme quotidiano è il Si, in quanto esser se-Stesso quotidiano. Così, perlomeno, s’intitola uno dei paragrafi più chiari, a nostro modo di vedere, di tutto Essere e Tempo, celeberrima opera di Martin Heidegger (1927) che abbiamo già avuto modo di incontrare nelle nostre pagine. Il titolo del paragrafo 27 suona, nella traduzione italiana a cura di Paolo Chiodi, nella seguente maniera: “L’esser se-Stesso quotidiano e il Si“.

Continua a leggere

Annunci
Standard
Filosofia, Teologia

Il tempo scandito in Cristo

Esso [l’essere dell’io] è, come essere «attuale» – ossia come essere presente e reale, puntuale: un «ora» tra un «non più» e un «non ancora». Ma per il fatto di separarsi in essere e non essere, nel suo aspetto di scorrimento, svela anche l’idea dell’essere puro, che non ha nulla in sé di non essere, in cui non c’è nessun «non più» e «non ancora» e che non è temporale, ma eterno1.

Edith_Stein_(ca._1938-1939).jpg

E. Stein, 1891-1942.

Continua a leggere

Standard
Filosofia, Teologia

Sulla “Conoscenza certa” di Dio in Tommaso

Un breve commento sulla nozione di “certezza” nella conoscenza che Dio ha delle cose. Estratto dal Compendio di Teologia e altri scritti, nell’edizione UTET su San Tommaso, questi due passi (capitoli 272 e 273) sono interessanti per il loro carattere epistemologico. Il dibattito è tutt’oggi aperto sulla questione: è pensabile il libero arbitrio con la prescienza divina? Continua a leggere

Standard
Filosofia, Teologia

Il togliersi dello spazio e del tempo

Questa idea del tempo, che è condizione della mutabilità, e che trova la sua applicazione nello spazio, è un’idea (e un principio) fisico. Tommaso d’Aquino ha sempre posto l’accento sull’unione di fede e ragione. I suoi studi su Dio, sul Sommo Bene, sono in questo senso scientifici, non nel senso moderno del termine, che cambia dopo la rivoluzione sperimentale. Le note che l’Aquinate elabora nella Summa Teologica sono tuttavia di grande interesse per i moderni teologi e metafisici (e, aggiungo io, filosofi). Continua a leggere

Standard